dott. Alberto Rossetti

DSC_0332

Sono psicoanalista e psicoterapeuta iscritto all’Albo degli Psicologi della Regione Piemonte (n.5914 – Ordine Psicologi Piemonte). 

Mi occupo della cura del disagio psichico, nelle varie forme in cui si manifesta nell’adulto e nell’adolescente. In particolare, mi sono specializzato nel trattamento dei sintomi contemporanei.

Alla mia attività clinica ho da sempre affiancato un lavoro di prevenzione a diretto contatto con ragazzi, genitori e insegnanti. Porto avanti in diverse scuole progetti che trattano le tematiche dell’utilizzo di social network, videogame, dipendenze da internet e hikikomori. Su queste tematiche organizzo anche gruppi, incontri, corsi di formazione per genitori, insegnati e educatori.

A tenere insieme tutto il mio lavoro lo studio di Freud e Lacan, e la scrittura. Partendo dal blog – il mondo in digitale –, passando per gli articoli, fino ad arrivare ai libri, scrivo e racconto del disagio della civiltà all’interno della nostra società contemporanea. 

Da pochi mesi è uscito il mio ultimo libro, Nasci, cresci e posta. I social network sono pieni di bambini: chi li protegge?. Scritto con il giornalista Simone Cosimi e pubblicato da CittàNuova.

Faccio parte della redazione di Mamamo.it (portale che si occupa di educazione e nuovi media) dove scrivo di social network, videogame e educazione digitale

Molti giornalisti mi chiedono pareri, interviste e commenti su queste tematiche. In questa pagina trovate i diversi contributi.

Gli ultimi articoli scritti su Mamamò.it:

Nasci, cresci e posta. I social network sono pieni di bambini: chi li protegge?

nasci_cresci_posta_piatto

“Sui social network esistono degli spazi non presidiati da adulti, sui quali i bambini sono liberi di muoversi in completa libertà e i gestori di piattaforme possono ottenere dati e informazioni su di loro senza passare per le leggi a tutela dei minori. E questo accade perché i bambini sono un target molto facile da colpire in termini di marketing.

Per crescere in un contesto del genere è necessario che i bambini imparino a parlare prima che a utilizzare le emoji, che provino a esprimere i propri sentimenti di fronte a un altro essere umano senza utilizzare uno smartphone, che riescano a distinguere un palcoscenico dalla vita reale, e per tutto questo, che piaccia o no, serve la testimonianza vera, e per questo anche imperfetta, di un adulto.”

Questo libro andrebbe letto per cercare di recuperare ciò che ci manca nella comprensione di come il panorama tecnologico sia cambiato coinvolgendo le nuove generazioni. Conoscere a fondo la tecnologia serve non solo a colmare un gap informatico, ma anche a interpretare correttamente e collocare al giusto posto i nuovi fenomeni comportamentali che ruotano at- torno alla vita quotidiana dei minori sui social network, e questo attraverso una visione critica che non sia ostile per principio a tutti questi fenomeni, ma che cerchi di comprendere come molti dei fattori contenuti in essi siano ormai parte della quotidianità dei più giovani, siano il loro modo di “essere” e di “esserci” nella società. Sono da tempo convinto che prima, e accanto, a un’opera di educazione civica digitale, che da anni si domanda venga introdotta nelle scuole, sia necessaria una nuova opera di educazione civica “tradizionale”, di ritorno alla legalità e al suo insegnamento. I problemi sociali vengono, infatti, prima dei problemi tecnologici, e molte questioni emerse sui social e sulle reti potrebbero essere risolte operando alla base.

Dalla prefazione di Giovanni Ziccardi

COMPRA IL LIBRO O VISITA IL SITO DI CITTÀ NUOVA

PRESENTAZIONI

DSC_0328
Simone Cosimi e Alberto Rossetti (foto di Nicola Gronchi)

16 GENNAIO 2018: Ivrea, ore 17.30, Sala Santa Marta. Tavola rotonda per insegnanti e genitori di bambini 0-6 anni. Qui la lacandina

25 GENNAIO 2018: Firenze, ore 18.30, alla libreria IBS di Via de’Cerretani 16/R. Con noi ci sarà Gabriela Jacomella, giornalista, fondatrice di Factcheckers

30 GENNAIO 2018: Ivrea, ore 17.30, tavola rotonda per insegnanti e genitori con figli pre- adolescenti e adolescenti. Seguiranno ulteriori informazioni

2 FEBBRAIO 2018: Torino, ore 21, presso Gruppo Abele. 

17 FEBBRAIO 2018: Modena, ore 17,30, presso Libreria San Paolo.

23 FEBBRAIO 2018: Verona, ore 18, presso la libreria Jolly.

14 MARZO: Torino, ore 17, Biblioteca Civica Centrale.

23 MARZO: Torino, ore 20.45, Cooperativa Scout Piemonte.

PARLANO DEL LIBRO

 

Il Blog – il mondo in digitale

Al di là del libro. Meglio su carta o in digitale?

Il futuro è in digitale. Già, ma andiamoci piano. Una ricerca portata avanti dall’Università del Maryland, e raccontata da La Stampa qualche giorno fa, ha messo in luce alcune grosse differenze tra la lettura su carta e quella su schermo. In breve, la lettura in digitale permette una comprensione del testo generale simile a quella …

#Sentiment

Venerdì 6 Ottobre, all’interno dell’Internet Festival di Pisa, Nasci, cresci e posta ha cominciato svelarsi. #Sentiment era la parola chiave del Festival 2017 e non c’è termine migliore per sintetizzare anche il nostro libro. I social network hanno a che fare con la vita, con le emozioni, con le relazioni, con l’identità…in una sola parola, …

C’è sempre qualcosa che non quadra

In questi giorni mi sono confrontato con un collega sul senso della psicoanalisi e, più nel dettaglio, su come dobbiamo intendere la cura. La clinica, ci dicevamo, richiede sempre di aspettare il tempo dell’Altro anche se nella società attuale, frenetica, affamata di risposte e bulimica, questo tempo sembra sempre mancare. Per questo oggi assistiamo alla …

Contatti

Ricevo a Torino, in Corso Tassoni 37. 

Per richiedere un appuntamento potete usare il telefono,  la mail o compilare il form che trovate qui sotto.

telefono: 3474452581

mail: albe.rossetti@gmail.com

Alcune foto presenti nel sito sono di Ryan McGuire e sono distribuite gratuitamente attraverso il sito GRATISOGRAPHY . La mia foto in homepage è di Nicola Gronchi.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia.